Le scocche recuperate dalla Polizia di Stato a Bitonto
Le scocche recuperate dalla Polizia di Stato a Bitonto
Cronaca

A Bitonto il cimitero delle auto rubate. Ritrovate dieci in due giorni

Recuperate dalla Polizia di Stato scocche di auto sparite non solo in città, ma anche a Bari, Giovinazzo e Palo del Colle

Un nuovo ritrovamento di auto rubate e sottoposte ad una vera e propria "vivisezione" risale alla scorsa settimana, fra giovedì e venerdì scorso, quando i poliziotti del Commissariato di P.S. di Bitonto, hanno scovato in più punti dell'agro l'ennesimo deposito di auto rubate, alcune già private di pezzi di motore e carrozzeria.

Gli agenti, impegnati in un consueto controllo del territorio finalizzato a contrastare il fenomeno dei furti d'auto, hanno recuperato tre scocche giovedì e ben sette nella giornata di venerdì per un totale di dieci auto - in particolar modo Bmw e Alfa Romeo - recuperate in due giorni, nascoste sotto gli ulivi nelle campagne. Da un riscontro, i poliziotti hanno verificato, con gli operatori della Lojack, che le vetture erano state rubate a Bitonto, ma anche a Bari, Giovinazzo e Palo del Colle.

Sul posto, inoltre, sono stati ritrovati anche diversi arnesi utilizzati per smontare e sezionare le auto. È probabile che la banda dei ladri fosse sul posto intenta ad operare e che all'arrivo dei poliziotti, ai comandi del dirigente Vittorio Di Lalla, abbia fatto perdere le proprie tracce dileguandosi a piedi. Le indagini sono in corso: si cercherà di risalire agli acquirenti dei pezzi di ricambio, allargando quindi il fronte su questo autentico mercato nero perlustrando le autofficine dell'hinterland.

Purtroppo, il mercato illecito delle auto rubate è inarrestabile e non passa giorno che non vengano effettuate denunce di mezzi rubati. Un fenomeno allarmante i cui dati, forniti ogni anno dal Ministero dell'Interno, confermano che spariscono quasi 9 auto ogni ora. Inoltre, a dispetto di una maggior diffusione di sofisticati sistemi antifurto, i topi d'auto aguzzano l'ingegno e sfidano le tecnologie ai danni non soltanto dei legittimi proprietari, ma anche delle compagnie assicurative.

Un fenomeno, dunque, sempre in fermento che, secondo gli investigatori, vede coinvolte vere e proprie organizzazioni criminali al cui interno opera una "squadra operativa" dedita al furto del mezzo, la "squadra dei tagliatori" che seziona le autovetture - in particolare nelle campagne di Bitonto, Giovinazzo e Terlizzi - e infine una "piattaforma logistica" in grado di ripulire i pezzi nei circuiti dei numerosi demolitori compiacenti, utilizzando documentazione solo apparentemente lecita.

Ma qual è il destino dei pezzi di ricambio? La merce riviene venduta sul web, con annunci sui siti di e-commerce. Intanto, però, i ritrovamenti di auto (dieci in due giorni, dodici in un solo giorno il mese scorso, nda), rivelano che le bande criminali hanno scelto le campagne di Bitonto come officine dove smembrare le auto.
  • Polizia di Stato Bitonto
  • Furti auto Bitonto
Altri contenuti a tema
Ladri nell'ex ospedale di Bitonto: via computer e monitor. Indaga la Polizia Ladri nell'ex ospedale di Bitonto: via computer e monitor. Indaga la Polizia I malviventi sono entrati all'interno del reparto di cardiologia. È il secondo caso in soli 7 giorni
Falsi controlli e truffa per 5mila euro: 4 poliziotti interdetti a Bitonto Falsi controlli e truffa per 5mila euro: 4 poliziotti interdetti a Bitonto 24 le giornate in cui risultano falsificati i registri. L'indagine della Procura di Bari è partita dopo la segnalazione dei colleghi degli stessi agenti
Furto sventato a Silvia Boutique. Recuperata refurtiva per oltre 200mila euro Furto sventato a Silvia Boutique. Recuperata refurtiva per oltre 200mila euro I poliziotti del Commissariato sono intervenuti per l'allarme. I ladri, giunti a bordo di un Fiat Doblò rubato, sono fuggiti
Incendiano il loro caseificio per frodare l'assicurazione: in 4 a processo Incendiano il loro caseificio per frodare l'assicurazione: in 4 a processo Giudizio immediato per i due gestori dell'attività, un dipendente e un complice. Il processo inizierà il 7 giugno
Trovati 1,5 milioni nell'armadio di un muratore. Sequestro record a Bitonto Trovati 1,5 milioni nell'armadio di un muratore. Sequestro record a Bitonto L'uomo è parente di Domenico Conte, ritenuto a capo dell'omonimo clan dedito al traffico di droga
Cinque furti di auto in due mesi. Tre bitontini arrestati dai Carabinieri Cinque furti di auto in due mesi. Tre bitontini arrestati dai Carabinieri Agivano da Valenzano a Noicattaro sino a Grumo Appula, Acquaviva delle Fonti e Ruvo di Puglia. Recuperate tre auto
Rossi: «Giovani attratti dal mito fasullo della criminalità» Rossi: «Giovani attratti dal mito fasullo della criminalità» Le vedette percepivano 300-500 euro a settimana, gli spacciatori 1.000. E chi faceva un buon lavoro poteva arriva a 5mila euro
L'allarme del prefetto Messina: «Bitonto come Scampia» L'allarme del prefetto Messina: «Bitonto come Scampia» Un giro che andava dai 20 ai 30mila euro al giorno. Venivano smerciati 10 chilogrammi di cocaina al mese
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.