L'aggressione subita dall'ignara vittima
L'aggressione subita dall'ignara vittima
Cronaca

VIDEO – Brutale aggressione al parente di un pregiudicato. Per la Polizia un messaggio mafioso

Arrestati all'alba i tre presunti responsabili: Domenico Liso, Damiano Caputo e Vito Tarullo, ritenuti vicini al clan Conte

Nelle prime ore di oggi, a Bitonto, la Polizia di Stato ha arrestato Domenico Liso, di 27 anni, Damiano Caputo, di 19 anni, e Vito Antonio Tarullo, di 33 anni, tutti gravati da precedenti penali e di polizia per vari reati e ritenuti vicini al clan Conte.

Tutti sono stati fermati in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia. Sono ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di porto illegale di armi in luogo pubblico e lesioni personali aggravate, con l'aggravante di aver commesso i reati con l'utilizzo del metodo mafioso, a norma dell'art. 7 L.203/91.

«Dalle indagini svolte - spiegano dalla Questura in una nota stampa - in sinergia dai poliziotti della Squadra Mobile di Bari e del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Bitonto, coadiuvati da personale del Reparto Prevenzione Crimine "Puglia Settentrionale", è emerso che gli odierni arrestati, il 29 settembre scorso, avevano brutalmente aggredito e percosso, sotto la minaccia di due pistole, un uomo avulso da dinamiche criminali ma parente di altro pregiudicato, legato a gruppi criminali della zona, al solo fine di far arrivare a quest'ultimo un messaggio intimidatorio, attuando in tal modo una vera e propria vendetta trasversale, propria delle organizzazioni di stampo mafioso».

Agghiacciante il racconto della Polizia della missione punitiva. «A rafforzare lo spirito intimidatorio – si legge ancora nella nota stampa - il gesto di uno degli aggressori che, dopo aver bloccato la vittima e prima di percuoterla con particolare violenza, si scopriva il volto travisato facendosi riconoscere, forte dell'assoggettamento e dell'omertà che ciò avrebbe provocato nella persona offesa, dando poi luogo alle percosse e "consegnando" al contempo alla povera vittima il messaggio da dare al parente».

«Il tenore del messaggio e le modalità con cui lo stesso è stato "consegnato" alla vittima (attraverso un brutale pestaggio, a volto coperto, in un'area pubblica con ostentazione di violenza e disponibilità di armi), costituiscono - sempre secondo gli inquirenti - elementi tali da conferire all'intera vicenda la matrice di azione dimostrativa ed al contempo trasversale, tipica dei peggiori contesti mafiosi».

Le immediate indagini, coordinate dalla Procura Distrettuale Antimafia di Bari, succedute all'allarmante episodio, hanno permesso di fare luce su quanto accaduto «attribuendo specifiche responsabilità agli autori del gesto – sono certi dalla Questura - indirizzato verso un uomo ignaro ed avulso dalle dinamiche criminali».

«Le investigazioni proseguono al fine di ben delineare il contesto in cui è maturata la decisione della spedizione armata ed evidenziarne - concludono - i motivi verosimilmente legati al controllo delle attività illecite nel territorio bitontino ove, da anni, si contendono il predominio due gruppi criminali».

I tre arrestati sono stati condotti nel carcere di Bari in attesa della decisione dei giudici.
  • Arresti Bitonto
  • Polizia Bitonto
  • Domenico Liso
  • Damiano Caputo
  • Vito Tarullo
Altri contenuti a tema
Mangia e beve gratis, arrestato scroccone 18enne Mangia e beve gratis, arrestato scroccone 18enne Il giovane adesso dovrà rendere conto alla giustizia dei suoi atteggiamenti arroganti e minacciosi
Fuggono in scooter e seminano il panico. Arrestati dai Carabinieri Fuggono in scooter e seminano il panico. Arrestati dai Carabinieri Un 18enne ed un 19enne, fermati dopo aver tentato di investire i militari, sono stati posti ai domiciliari
Salvini: «A Bari altri 19 poliziotti». Bitonto non pervenuta Salvini: «A Bari altri 19 poliziotti». Bitonto non pervenuta Dalla città degli ulivi spariscono anche le ultime pattuglie aggiuntive
Furti e rapine in provincia, primo arresto. È un 25enne di Bitonto Furti e rapine in provincia, primo arresto. È un 25enne di Bitonto L'uomo, Arcangelo Cassano, è un componente di una banda che agiva tra Corato e Modugno. Si cercano i complici
Scovata "cupa" della droga. Arrestato un pusher 23enne Scovata "cupa" della droga. Arrestato un pusher 23enne All'interno di uno scantinato di via Spadolini rinvenute 174 dosi di marijuana, hashish e cocaina
Arrestati a Bitonto due incensurati per detenzione e spaccio di droga Arrestati a Bitonto due incensurati per detenzione e spaccio di droga Nella rete della Polizia un 19enne ed un 32enne. Denunciato anche un 44enne pregiudicato
Smantellata centrale di spaccio ​nel centro storico: due arresti Smantellata centrale di spaccio ​nel centro storico: due arresti In manette un 29enne ed un 25enne, entrambi incensurati. Rinvenute dosi di cocaina, marijuana ed hashish
Assalto ad una tabaccheria di Gallipoli, refurtiva ritrovata a Bitonto Assalto ad una tabaccheria di Gallipoli, refurtiva ritrovata a Bitonto All'interno dell'abitazione di un 52enne, sorpreso mentre tentava di tagliare una macchinetta cambiamonete
© 2001-2018 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.