La zona in cui ricadrebbe la discarica
La zona in cui ricadrebbe la discarica
Territorio e Ambiente

Sinistra Italiana replica al sindaco e la questione discarica si infiamma

Botta e risposta sulla possibile apertura della Fer.Live

La risposta del sindaco Michele Abbaticchio sulla questione discarica non ha convinto la sezione locale di Sinistra Italiana, che aveva sollevato il problema subito dopo le elezioni. Secondo il primo cittadino tutto è fermo al Consiglio di Stato e si è voluto strumentalizzare. Di diverso avviso però SI.
"Apprendiamo con sgomento che per il nostro Sindaco la Valutazione d'Impatto Ambientale è una "autorizzazione generica" e non il documento principale a cui tutti gli organi preposti al rilascio delle autorizzazione devono attenersi - si legge in una nota - È lo stesso Sindaco che in un recente passato ha accusato le forze politiche contrapposte di attacchi personali fondati sul nulla?
Esiste forse nella nostra città il reato di lesa maestà per cui il primo cittadino puó apostrofare un Partito politico reo di voler portare all'attenzione della comunità un rischio ambientale così grande?
Vigliacchi secondo il Sindaco, sono i cittadini che temono una ulteriore devastazione del proprio territorio con la realizzazione di una discarica!
Vergognoso, invece, è minimizzare il rilascio di una proroga della Valutazione di Impatto Ambientale definendo tale provvedimento amministrativo autorizzazione generica finalizzata alla caratterizzazione di unarea.
E ancora più vergognoso se tale asserzione viene da chi dovrebbe conoscere le norme ambientali in quanto tutore del territorio che si accinge a governare, in materia di salubrità dell'ambiente, tutela della salute pubblica, tutela dall'inquinamento delle acque, tutela dalle emissioni in atmosfera. Sindaco, con il giudizio di compatibilità ambientale (VIA) si decide se in una certa area la discarica o un impianto per il trattamento dei rifiuti può o non può essere realizzato.
La VIA, secondo il Testo Unico Ambientale, è l'unico procedimento amministrativo in cui si valuta la alternativa zero, ovvero la non realizzazione della discarica e/o dell'impianto.
Con lo studio della così detta opzione zero si indicano le ragioni della scelta effettuata per renderla trasparente ed evitare interventi che causino sacrifici ambientali superiori a quelli necessari a soddisfare l'interesse sotteso all'iniziativa del privato che vuole realizzare l'impianto. Sindaco, la Valutazione di Impatto Ambientale è provvedimento gerarchicamente superiore a quello di una autorizzazione integrata ambientale (AIA). La valutazione negativa di impatto ambientale condiziona negativamente il procedimento per il rilascio dell'autorizzazione integrata ambientale, ovvero un impianto non compatibile con l'ambiente non può ottenere le autorizzazioni necessarie per il suo funzionamento.
Prima di minimizzare il rilascio del rinnovo della VIA occorre soffermarsi sul fatto che la FER.LIVE ha ottenuto dalla Città Metropolitana due giudizi positivi di compatibilità ambientale.
A tal proposito, ci si chiede, non sarebbe stato il caso di interessare il legale che ha seguito il ricorso al TAR per una immediata consulenza?
Sindaco come è possibile asserire la nostra posizione non cambia, così come non è cambiata quella della Città Metropolitana?
Si lascia ogni eventuale decisione al Consiglio di Stato?
I cittadini di Bitonto debbono correre il rischio che sia la giustizia amministrativa a decidere se è possibile o meno realizzare in località Colaianni la discarica della FER.LIVE?
Signor Sindaco - prosegue il lungo comunicato - ci ascolti:
I provvedimenti di VIA rilasciati dalla Città Metropolitana vanno revocati in autotutela per le stesse motivazioni riportate nel diniego dell'Autorizzazione Integrata Ambientale.
La Giunta Comunale di Bitonto con atto n. 48 del 13/03/2013 esprimeva parere urbanistico contrario alla realizzazione della discarica.
Signor Sindaco ci spieghi:
Il parere urbanistico del Comune di Bitonto, secondo quanto riportato nel provvedimento di VIA positiva del 2011, doveva essere vincolante ai fini del rilascio dellAIA; perché nel provvedimento di rinnovo della VIA del 2017 tale parere negativo non è stato considerato per il diniego del rinnovo della medesima VIA?
Sindaco, perché, anziché dare del vigliacco al cittadino turbato da tanta incertezza, non ha chiesto chiarimenti in tal senso alla Città Metropolitana?
Sinistra Italiana di Bitonto è del parere, invece, che la sua posizione debba assolutamente cambiare perché spetta a Lei promuovere anche azioni giuridico amministrative al fine di scongiurare definitivamente la realizzazione di tale mostro ambientale.
Nel caso, invece, la posizione del Sindaco e della sua amministrazione non dovesse cambiare, come noi cittadini di Bitonto ci aspettiamo che cambi, si avrà la consapevolezza che la minimizzazione degli effetti di una Valutazione di Impatto Ambientale positiva è frutto dello scarso interesse degli aspetti connessi con la realizzazione di una nuova discarica per rifiuti speciali di 2.000.000 di metri cubi, in cui verranno conferiti rifiuti provenienti anche da fuori regione.
Avremo allora individuato i potenziali corresponsabili dello scempio che si potrebbe perpetrare ai danni del nostro territorio nel caso in cui la giustizia amministrativa decida in favore della FER.LIVE. "
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.