Il sequestro dei Carabinieri e della Guardia di Finanza
Il sequestro dei Carabinieri e della Guardia di Finanza
Cronaca

Sequestrata una collezione di beni culturali. Il tesoro d'arte nascosto a Bitonto

Operazione di Carabinieri e Finanza: reperti, statue e dipinti scoperti dopo la morte di Girolamo Devanna, il professor "Mino"

Un'importante collezione di beni culturali, costituita da reperti archeologici, statue, dipinti, beni ecclesiastici, archivistici e librari, ritrovati a seguito della morte di Girolamo Devanna, l'ultimo grande mecenate di Bitonto, è stata sequestrata dai Carabinieri e dalla Finanza in un'indagine partita proprio dalla città dell'olio.

La collezione sequestrata da parte dei finanzieri della Tenenza della Guardia di Finanza di Bitonto e dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari è costituita da 350 reperti archeologici ceramici, in terracotta e in bronzo, di produzione apula risalenti al III-IV sec. avanti Cristo, ulteriori 80 reperti in terracotta, vetro, metallo e avorio, provenienti dal Mediterraneo orientale e risalenti addirittura al secondo millennio avanti Cristo.

Ed ancora: alcuni manoscritti, numerose autentiche di reliquie risalenti al XIX secolo, un antico volume del 1682 dal titolo "Costitutiones synodales bituntinae ecclesiae", dipinti e sculture. Tra le opere rinvenute, una statua lignea del 1300 raffigurante la "Madonna in trono col bambino", capolavoro medievale di autore ignoto, trafugata nel 1977 dalla chiesa di Sant'Egidio Abate di Cerqueto, una frazione di Fano Adriano in provincia di Teramo.

Proprio quest'opera è stata riconosciuta grazie ad un'immagine presente all'interno della "Banca Dati dei Beni Culturali illecitamente sottratti" e a riscontro di una perizia svolta dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Bari. É stata proprio la consegna della statua - come ultima volontà del professor "Mino", scomparso a 75 anni - da parte degli eredi presso la Tenenza di Bitonto a dare il via alle investigazioni.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Bari, hanno permesso il ritrovamento dell'intera collezione. I militari, guidati dal tenente Vittorio Davide Cristalli, hanno accertato la provenienza illecita dei beni sequestrati e individuato i legittimi proprietari, tra i quali diversi soggetti privati per i dipinti (trafugati fra Roma, Genova e Bologna), la Chiesa (le loro rispettive diocesi) per i beni ecclesiastici e infine lo Stato per i reperti archeologici.

Determinante è stato l'utilizzo della Banca Dati gestita e alimentata dal Comando Tutela Patrimonio Culturale dell'Arma dei Carabinieri nella quale è possibile rinvenire le informazioni descrittive e fotografiche relative ai beni culturali da ricercare.
  • Guardia di Finanza Bitonto
  • Carabinieri Bitonto
Altri contenuti a tema
Tentano il colpo al ripetitore telefonico, arrivano vigilantes e Carabinieri Tentano il colpo al ripetitore telefonico, arrivano vigilantes e Carabinieri I malviventi sono stati messi in fuga dagli uomini della Pegaso Security e dai militari di Bitonto. Recuperati un piede di porco e una torcia
Appuntamento hard finisce in rapina. Presi in tre: due hanno patteggiato Appuntamento hard finisce in rapina. Presi in tre: due hanno patteggiato La vittima è un 70enne di Bitonto: i banditi lo avrebbero picchiato per rubargli contanti, carte prepagate e un cellulare
E-bike truccate: controlli e sequestri in piazza Marconi E-bike truccate: controlli e sequestri in piazza Marconi Operazione congiunta di Polizia Locale, Polizia di Stato e Carabinieri: una bici elettrica e due motocicli sono risultati truccati
Inseguimento nella notte: banda di ladri inseguita per 35 chilometri Inseguimento nella notte: banda di ladri inseguita per 35 chilometri A bordo di una Golf sono riusciti a sfuggire ai Carabinieri raggiungendo folli velocità. L'inseguimento da Molfetta fino a Terlizzi
In fuga con l'auto per il centro di Bitonto. Tre arresti dei Carabinieri In fuga con l'auto per il centro di Bitonto. Tre arresti dei Carabinieri In manette un 47enne e un 27enne: un caso analogo a fine agosto con l'arresto di un 19enne. Sequestrata marijuana
Baby-gang a Bitonto, il racconto di una notte di ordinaria follia Baby-gang a Bitonto, il racconto di una notte di ordinaria follia Due gli episodi violenti: in poche ore un 40enne scippato e un ristoratore picchiato. Identificato un 14enne
Controlli dei Carabinieri: denunce e un arresto per droga e munizioni Controlli dei Carabinieri: denunce e un arresto per droga e munizioni Sequestrate oltre 100 munizioni nell'abitazione di un 19enne. Deferite quattro persone intente a scaricare 320 chili di cavi di rame
Dopo lo speronamento a Bitonto: ladri in fuga e analogie con un caso simile Dopo lo speronamento a Bitonto: ladri in fuga e analogie con un caso simile La vicenda quasi identica a quella dello scorso 3 maggio in via Repubblica, mentre proseguono le indagini dei Carabinieri
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.