Parrucchieri ed estetisti in protesta a Bitonto
Parrucchieri ed estetisti in protesta a Bitonto
Cronaca

Parrucchieri ed estetisti in piazza a Bitonto: «Fateci lavorare»

La protesta: «Anche con la nostra chiusura la curva dei contagi è cresciuta. Non siamo noi gli untori»

Sono scesi in piazza per lanciare il loro grido di dolore dopo mesi di chiusura forzata e un anno passato, sostanzialmente, a tentare disperatamente di far fronte almeno alle spese a causa dei blocchi per la pandemia. Sono i parrucchieri e gli estetisti di Bitonto che questa mattina si sono dati appuntamento in piazza XXVI Maggio 1734, davanti alla Basilica dei Santi Medici, per protestare pacificamente contro il governo nazionale e regionale e chiedere di poter tornare a lavorare. Al centro della piazza, una sedia da acconciatore vuota, a simboleggiare lo stato di gravissima crisi in cui versa tutto il settore.

«Non riusciamo davvero a capire il motivo per cui le nostre attività siano state chiuse – si chiede Angela, che con la sorella Giulia gestisce un salone per signore in centro – Lavoriamo con un rapporto cliente/operatore di 1 a 1 e solo su appuntamento. Nelle nostre attività è impossibile creare alcun tipo di assembramento, eppure siamo stati trattati come untori da chi prende le decisioni in questo paese. Salvo poi essere smentito clamorosamente dai fatti, visto che, nonostante ci abbiano impedito di portare il pane a casa, la curva dei contagi ha continuato a salire in maniera vertiginosa. È evidente che non eravamo noi la causa».

In piazza, oltre alle forze dell'ordine inviate per controllare la manifestazione, opportunamente comunicata dai manifestanti, sono arrivati anche il vicesindaco Rino Mangini, l'assessore al Bilancio, Domenico Nacci e l'assessore alle attività produttive e artigianali Marianna Legista. «Abbiamo ascoltato le giuste e condivisibili recriminazioni dei parrucchieri, dei barbieri e degli estetisti, e ci siamo impegnati a produrre una nota a livello istituzionale, indirizzata alla Regione e all'ANCI, in cui rassegniamo alcune considerazioni che condividiamo: il fallimento della zona rossa, l'iniquità di trattamento rispetto a queste attività professionali» ha affermato Rino Mangini «vogliamo dare un supporto istituzionale a questa protesta. Come Comune stiamo appostando in bilancio 100000 mila euro di fondi per un bando di contribuzione a fondo perduto da destinare alle attività chiuse dal dpcm del 2 marzo 2021. Questi i nostri impegni».

«Quello che chiediamo al governatore Emiliano è di intervenire e di concederci di aprire in sicurezza come accaduto in Abruzzo – continua Angela – basterebbe poi vaccinare i lavoratori del settore per scongiurare altri possibili contagi. Se si vuole, la situazione si può migliorare, ma ci deve essere reale volontà, altrimenti finiremo presto tutti per strada, com'è già capitato a molti»
  • Domenico Nacci
  • Rino Rocco Mangini
  • Covid
Altri contenuti a tema
Sport City Day, attività all'aperto in villa comunale Sport City Day, attività all'aperto in villa comunale L'obiettivo dell'iniziativa di rilievo nazionale è la promozione della pratica sportiva e una migliore qualità della vita dei cittadini
A Bitonto 700mila euro dal bando Sport e Periferie per rinnovare il “Città degli Ulivi” A Bitonto 700mila euro dal bando Sport e Periferie per rinnovare il “Città degli Ulivi” Nacci: «Un giorno storico. Premiata bontà del nostro progetto»
"Bitonto Città dei Festival": il progetto presentato alla stampa "Bitonto Città dei Festival": il progetto presentato alla stampa Dodici rassegne si uniranno in un lungo mese di eventi
Green pass dal 6 agosto per ristoranti al chiuso e una serie di eventi Green pass dal 6 agosto per ristoranti al chiuso e una serie di eventi Le misure annunciate dal Governo. Modificati i parametri per il cambio di colore delle zone
Nacci risponde ad Onda Civica sulla tassazione TARI delle aree sportive Nacci risponde ad Onda Civica sulla tassazione TARI delle aree sportive «Le aree adibite ad attività sportiva sono escluse per loro natura dall’assoggettabilità a tassazione. È la legge» ha dichiarato l'assessore
Una passeggiata fotografica per “riscattare” il centro antico di Bitonto Una passeggiata fotografica per “riscattare” il centro antico di Bitonto Domenica 30 maggio alle ore 18.30 da piazza Cavour
Coronavirus, Abbaticchio: «Il peggio sembra essere passato» Coronavirus, Abbaticchio: «Il peggio sembra essere passato» Mangini rilancia: «Impatto positivo della campagna vaccinale»
810 nuovi casi positivi in Puglia nelle ultime 24 ore 810 nuovi casi positivi in Puglia nelle ultime 24 ore Superata quota 5900 decessi dall'inizio dell'emergenza
© 2001-2021 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.