I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Guerra tra clan a Bitonto, tre arresti. Accusati degli omicidi Napoli e Dellino

In manette Giuseppe Digiacomantonio, Salvatore Ficarelli e Giosuè Perrelli, condannati a pene comprese fra i 20 e i 17 anni

A distanza di 15 anni dai fatti - era l'estate del 2007 - la giustizia presenta il conto al 33enne Giuseppe Digiacomantonio, al 36enne Salvatore Ficarelli e al 41enne Giosuè Perrelli, condannati in via definitiva a pene comprese fra i 20 e i 17 anni di reclusione per due omicidi e un tentato omicidio di mafia commessi a Bitonto.

I Carabinieri hanno arrestato i tre, affiliati al clan Strisciuglio, eseguendo altrettanti ordini di carcerazione emessi dalla Procura Generale della Corte d'Appello del capoluogo, perché accusati del delitto di Vito Napoli del clan Conte. Ma non solo: sono i responsabili del tentato omicidio di Domenico Conte, dell'omicidio e del successivo occultamento del cadavere di Giuseppe Dellino, per la lotta alla supremazia tra il clan barese degli Strisciuglio e quello bitontino dei Conte-Cassano.

«Nel 2006-2007 avevamo sotto controllo più di una decina di zone - raccontò Arturo Amore, luogotenente degli Strisciuglio a Bitonto, divenuto collaboratore di giustizia -. Ci mancava solo Bitonto dove c'era il clan Conte molto forte sia militarmente che economicamente. E allora bisognava trovare una squadra di killer da mandare lì». Ma nell'agguato che gli fu teso, il 20 luglio 2007 in via Amendolagine, Conte rimase illeso e fu ucciso a colpi di mitra il suo fido guardaspalle Napoli.

I quattro a bordo dell'auto erano Digiacomantonio e Ficarelli, Giuseppe Ladisa (morto suicida nel carcere di San Severo nel 2009) e Giuseppe Dellino alla guida a cui, però, toccherà una triste sorte pochi giorni dopo. Il 29enne fu considerato dal gruppo inaffidabile e debole anche perché malato di sclerosi multipla. È Amore a chiudere il cerchio sulla storia. «Gli voglio bene - le sue parole -, però se viene preso ha proprio la volontà di andare a collaborare con la giustizia, a dire i fatti».

Dellino fu portato nelle campagne di Bitonto, in un casolare a Palombaio, e brutalmente ucciso con un colpo di pistola alla testa per mano di Perrelli, diventato l'uomo di fiducia del boss. Con l'aiuto di Digiacomantonio si occupò di occultare il corpo, gettandolo in un pozzo. Per anni è stato un caso di lupara bianca, finché i suoi resti furono ritrovati il 13 luglio 2013. Il corpo fu riconosciuto dagli occhiali da vista, dall'abbigliamento e dalla degenerazione ossea causata alla malattia.

A Digiacomantonio (era ai domiciliari a Bitonto), è stata inflitta una condanna a 20 anni, mentre a Ficarelli, recluso nel carcere di Spoleto, la pena inflitta è di 19 anni e 4 mesi. Infine Perrelli dovrà scontare una condanna di 17 anni: è stato scovato in un'abitazione di Cassano, dove si era rifugiato per sottrarsi alla cattura.

Lotta fra clan, 2 omicidi nel 2007 a Bitonto: 3 arresti

  1. Al 33enne Giuseppe Digiacomantonio, condannato in primo e secondo grado all'ergastolo, è stata inflitta una pena a 20 anni di reclusione per i reati di omicidio, occultamento di cadavere, detenzione e porto illegale di armi e ricettazione in concorso e aggravati dal metodo mafioso;
  2. Al 36enne Salvatore Ficarelli, in primo e secondo grado condannato all'ergastolo, la pena inflitta è di 19 anni e 4 mesi per i reati di omicidio e ricettazione, anche in questo caso aggravati dal metodo mafioso;
  3. Il 41enne Giosuè Perrelli, condannato in primo e secondo grado a 30 anni, dovrà scontare una pena di 17 anni di reclusione per i reati di omicidio, detenzione e porto illegale di armi.
  • Arresti Bitonto
  • Clan Conte Bitonto
  • omicidio Bitonto
Altri contenuti a tema
«Il clan Strisciuglio manifesta forti mire espansionistiche a Bitonto» «Il clan Strisciuglio manifesta forti mire espansionistiche a Bitonto» La relazione dell'Antimafia al Parlamento secondo cui «può contare su un nuovo gruppo nato da una frattura interna al clan Conte»
Fiumi di droga tra la Puglia e l'Abruzzo, 29 arresti. Uno è di Bitonto Fiumi di droga tra la Puglia e l'Abruzzo, 29 arresti. Uno è di Bitonto In carcere, per un presunto traffico di stupefacenti, anche il 48enne Giuseppe Tatulli. Tra gli indagati Michele Mongiello
Tenta di rubare due auto: 28enne di Bitonto arrestato dai Carabinieri Tenta di rubare due auto: 28enne di Bitonto arrestato dai Carabinieri L'uomo è stata visto per le strade di Terlizzi e segnalato al 112: una gazzella, arrivata sul posto, l'ha fermato. È ai domiciliari
Fuga su una moto senza targa: ferisce agente, nei guai un 20enne Fuga su una moto senza targa: ferisce agente, nei guai un 20enne Il giovane, militare in servizio a Roma, è stato arrestato con le accuse di di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale
Furti d'auto, 12 colpi in due mesi: 4 arresti, la base logistica a Bitonto Furti d'auto, 12 colpi in due mesi: 4 arresti, la base logistica a Bitonto Operazione all'alba di ieri della Polizia di Stato: i colpi commessi tra aprile e maggio 2023, sequestrata un'Audi RS3
Si sottrae a controllo della Polizia e fugge sui binari a Bitonto: arrestato Si sottrae a controllo della Polizia e fugge sui binari a Bitonto: arrestato L'uomo, un 29enne pregiudicato del posto, ha tentato in ogni modo di sottrarsi al controllo: fermato dopo un inseguimento
Tenta di rapinare due supermercati a Bitonto, arrestato un 24enne Tenta di rapinare due supermercati a Bitonto, arrestato un 24enne Il giovane ha precedenti specifici. In un caso ha desistito, nel secondo è stato messo in fuga da un addetto alla vigilanza
Maltratta l'ex moglie, le chiede 350mila euro: ai domiciliari un 77enne Maltratta l'ex moglie, le chiede 350mila euro: ai domiciliari un 77enne L'anziano è stato arrestato dagli agenti del Commissariato: era già stato denunciato e aveva un divieto di avvicinamento
© 2001-2024 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.