Le indagini dei Carabinieri
Le indagini dei Carabinieri
Cronaca

Lo spaccio anche durante il lockdown, la base era Palo: 19 arresti

L’operazione ha riguardato anche Modugno, Bitonto, Corato, Bisceglie, Trani e Ruvo di Puglia

19 arresti per spaccio di droga, pure in pieno lockdown, fra Palo del Colle e dintorni. È scattato all'alba il blitz dei Carabinieri della Compagnia di Molfetta che hanno chiuso un'inchiesta condotta nei primi sei mesi del 2020, periodo in cui non si poteva neanche uscire da casa se non per la spesa o per altre esigenze.

Nonostante ciò centinaia di clienti - segnalati come assuntori di droga alla Prefettura - raggiungevano Palo del Colle per incontrare i pusher e comprare droga, in particolare eroina, venduta a 15 euro al grammo (con sconti sino a 13 euro), ma anche cocaina e marijuana. Nella notte appena trascorsa, 100 Carabinieri del Comando Provinciale di Bari sono stati impegnati in un'operazione antidroga fra Palo del Colle, Modugno, Bitonto, Corato, Bisceglie, Trani e Ruvo di Puglia.

Sono complessivamente 19 (fra cui due cugini omonimi di Palo del Colle, Vito Giuseppe Marcello, di 26 e di 28 anni, che avrebbero gestito la fitta rete dei pusher, nda) i soggetti raggiunti da un'ordinanza di custodia cautelare (9 in carcere, altrettanti ai domiciliari oltre a 1 divieto di dimora), emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari, Paola Angela De Santis, su richiesta del pubblico ministero della Procura della Repubblica del capoluogo, Lanfranco Marazia.

Gli arrestati, a cui il Tribunale di Bari ha riconosciuto la sussistenza di gravi indizi di colpevolezza, sono accusati a vario titolo dei reati di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, con l'aggravante dell'ingente quantitativo. Le indagini, svolte nel primo semestre del 2020, durante il lockdown disposto dal Governo per fronteggiare la prima fase della pandemia, hanno evidenziato l'esistenza di una cospicua attività di spaccio di stupefacenti con base logistica a Palo del Colle.I traffici illeciti riguardavano ogni tipo di stupefacente, con una certa predilezione per l'eroina , chiamata «la nera» nel gergo criptico adoperato da spacciatori e acquirenti nel corso delle conversazioni intercettate. Al centro delle indagini i cugini Marcello, presunti protagonisti di un traffico di droga destinato, da un lato, a soddisfare le esigenze di acquisto per consumo personale di alcuni assuntori locali e dall'altro ad alimentare la filiera di spaccio al dettaglio in altri comuni.

Un duplice livello di operatività con lo stupefacente, di natura eterogenea, che veniva venduto sia in considerevoli quantità (a "pezzi interi" di decine di grammi) ad altri soggetti, dimoranti in altri comuni che, a loro volta, lo ​smerciavano nei propri territori, sia al dettaglio, nelle piazze di spaccio di Palo e dintorni, avvalendosi della collaborazione di altre persone a cui sarebbe stato affidato il ruolo di presidiare i siti, secondo una turnazione quotidiana che li vedeva attivi sino a sera.

Sono stati oltre 7mila, in 3 mesi, i casi di spaccio monitorati, con i 150 assuntori che, incuranti delle restrizioni Covid, giungevano a Palo per approvvigionarsi di droga. Le cessioni documentate avvenivano in prossimità di zone molto frequentate, come la stazione,, il cimitero e la villa comunale. Tra i luoghi utilizzati anche la sede dell'associazione "Beneficienza per Palo", ove molti degli indagati erano soliti trattenersi per pianificare, secondo gli inquirenti, i propri traffici illeciti.

Durante il periodo delle indagini sul campo, sono state arrestate 15 persone e denunciate altre 5. «Dalle investigazioni viene fuori l'allarmante constatazione di un massiccio ritorno al consumo di eroina - spiegano i Carabinieri - resa particolarmente attrattiva dal prezzo più basso rispetto a quello di altre sostanze».
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale

I NOMI


Misura cautelare personale della custodia in carcere:
  1. Marcello Vito Giuseppe, nato a Grumo Appula il 03/08/1993, residente a Palo del Colle;
  2. Marcello Vito Giuseppe, nato a Grumo Appula il 30/08/1995, residente a Palo del Colle;
  3. Abidi Hosni, nato a Bousalem (Tunisia) il 18/02/1984, residente a Palo del Colle;
  4. Ungaro Michele, nato a Bitonto il 27/12/1976, residente a Palo del Colle;
  5. Carione Cosimo, nato a Bitonto il 03/05/1968, residente a Palo del Colle;
  6. Cafaro Anna, nata a Terlizzi l'11/07/1973, residente a Palo del Colle;
  7. Amorese Leonardo, nato a Corato il 10/09/1965, ivi residente;
  8. Carducci Salvatore, nato a Bisceglie il 19/02/1978, ivi residente;
  9. Carnicelli Gianluca, nato ad Andria il 18/01/1973, residente a Trani.
Misura cautelare personale degli arresti domiciliari:
  1. Margutti Agata, nata a Bisceglie il 04/11/1981, ivi residente;
  2. Gattello Giuseppe, nato a Brescia il 17/11/1980, , residente a Bisceglie;
  3. Altamura Gianfranco, nato a Koln (Germania) il 14/02/1975, residente a Corato;
  4. Dandriccio Rosa Katin, nata a Barletta il 23/08/1984, residente a Trani;
  5. D'Abramo Nicoletta, nata a Terlizzi il 30/09/1981, residente a Ruvo di Puglia;
  6. Ferrucci Alessio, nato a Corato il 03/08/1989, ivi residente;
  7. Caputo Giacomina, nata a Modugno il 26/09/1974, ivi residente;
  8. Bellino Nicola, nato a Modugno il 17/01/1972, ivi residente;
  9. Fiore Luigi, nato a Ruvo di Puglia il 02/05/1969, ivi residente.
Misura cautelare del divieto di dimora in Palo del Colle:
  1. Vaccariello Francesco, nato a Modugno il 20/12/1983, ivi residente.
  • Arresti Bitonto
  • Carabinieri Bitonto
Altri contenuti a tema
Allo Stato i beni di Giovanni Cipriani: un patrimonio da 20 milioni di euro Allo Stato i beni di Giovanni Cipriani: un patrimonio da 20 milioni di euro Il provvedimento è stato eseguito dai Carabinieri: l'uomo era riuscito a realizzare circa 100 unità immobiliari
Maxi inchiesta "Levante": chiesti 80 rinvii a giudizio Maxi inchiesta "Levante": chiesti 80 rinvii a giudizio L'Antimafia vuole mandare a processo, fra gli altri, i bitontini Sicolo, Giordano e Noviello. Udienza fissata per il 13 maggio
Incendiano il loro caseificio per frodare l'assicurazione: in 4 a processo Incendiano il loro caseificio per frodare l'assicurazione: in 4 a processo Giudizio immediato per i due gestori dell'attività, un dipendente e un complice. Il processo inizierà il 7 giugno
Rapina in via Traetta, in manette un 24enne. Il complice ha 14 anni Rapina in via Traetta, in manette un 24enne. Il complice ha 14 anni Il colpo ai danni del supermercato Primo Prezzo. Il più grande è finito in carcere, l'altro è stato riaffidato ai genitori
Truffe agli anziani, i consigli dei Carabinieri Truffe agli anziani, i consigli dei Carabinieri La campagna d'informazione continuerà nei prossimi giorni, da aprile a giugno, con un incontro a Bitonto
Banda dell'Audi A3 a Bitonto: arriva il primo arresto Banda dell'Audi A3 a Bitonto: arriva il primo arresto Erano in tre, per ora è finito in manette solo un 33enne: i Carabinieri già sulle tracce dei complici
Inseguiti dai Carabinieri da Modugno a Bitonto. In manette un 33enne Inseguiti dai Carabinieri da Modugno a Bitonto. In manette un 33enne Recuperata l'auto abbandonata dai complici. All'interno trovati due radio ricetrasmittenti e altrettanti jammer accesi
Trovati 1,5 milioni nell'armadio di un muratore. Sequestro record a Bitonto Trovati 1,5 milioni nell'armadio di un muratore. Sequestro record a Bitonto L'uomo è parente di Domenico Conte, ritenuto a capo dell'omonimo clan dedito al traffico di droga
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.