Via Arco Galliani ripulita
Via Arco Galliani ripulita
Territorio e Ambiente

Il centro storico di Bitonto imbrattato con la calce idrata

È successo in via Arco Galliani. Abbaticchio: «Un maiale, ma abbiamo immediatamente ripulito»

Un tentativo, tra il maldestro e l'esasperato, di "disinfettare" uno scorcio del centro storico, famoso non per la sua arcaica bellezza ma per essere stato trasformato in una latrina a cielo aperto da orde di decerebrati, troppo impegnati a spendere il loro tempo in vacuità per cercare un bagno pubblico dove espletare i propri bisogni. È probabilmente questa l'origine del gesto che ha reso per alcune ore via Arco Galliani, caratteristico angolo della zona antica di Bitonto, una vasta distesa di polvere bianca, quasi certamente calce idrata. Sul chiancheto sono stati sparsi due sacchi da 35 kg di questo componente dei prodotti cementizi, utilizzato però, se opportunamente dosato, anche per il trattamento delle acque luride e dei suoli acidi. Probabilmente per questo, in maniera ingenua, chi l'ha disseminata in tutta la zona avrà pensato di rendere più salubre l'area, usata, come detto, come orinatoio pubblico a cielo aperto. Ottenendo però solo l'effetto di aver sparso in aria polveri molto pericolose per i polmoni, oltre che aver rischiato di danneggiare il sistema di raccolta delle acque piovane.

«Chissà se qualcuno si degnerà di rimuoverla in tempo prima che accada l'inevitabile», aveva scritto chi, per primo, aveva fotografato e pubblicato le immagini della situazione.
In realtà, già pochi minuti dopo, sul posto erano intervenuti gli operatori della SANB, per ripulire il chiancheto e riportare alla normalità l'area.

«C'è chi scrive post per il gusto di attaccare – è stato il commento amareggiato del sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio – e c'è chi mi segnala un problema che immediatamente viene affrontato. Un maiale ha imbrattato la pavimentazione all'altezza dell'arco di via Galliani. Gli operatori Sanb già sul posto per intervenire. Grazie a loro e a chi ci ha segnalato il problema con messaggio, privato, direttamente».

Al di là del rudimentale tentativo di disinfezione e del rapido intervento di ripristino, quello di via Arco Galliani resta un problema atavico, che resiste da decenni e che con l'aumento vertiginoso delle frequentazioni serali, in particolare di giovani, ha visto peggiorare la situazione.
«Adesso in quel punto interveniamo con lavaggio straordinario 3 volte a settimana», ha riferito il primo cittadino, per evidenziare l'impegno dell'amministrazione comunale per aiutare i residenti. Che però sottolineano come il problema principale sia cercare strumenti per evitare che la zona sia utilizzata come latrina, piuttosto che intervenire per ripulire una volta che il danno è stato fatto.
  • Michele Abbaticchio
  • Centro storico
  • SANB
Altri contenuti a tema
A Bitonto sindaco contro il coprifuoco: «Consegna la città alla criminalità» A Bitonto sindaco contro il coprifuoco: «Consegna la città alla criminalità» Abbaticchio preoccupato per le ricadute sulle attività serali: «A rischio il lavoro di dipendenti e piccoli imprenditori»
Spartitraffico e rotatorie pericolose a Bitonto: la Lega scrive al Sindaco Spartitraffico e rotatorie pericolose a Bitonto: la Lega scrive al Sindaco «Serve manutenzione straordinaria o qualcuno si farà male»
1 Scendono i contagi a Bitonto: ora sono 26 Scendono i contagi a Bitonto: ora sono 26 Ma la città resta nella fascia oltre i 50 della Protezione Civile
1 Monumento storico trasformato in discarica a Bitonto Monumento storico trasformato in discarica a Bitonto Davanti a Palazzo Vulpano abbandonati rifiuti, divani e altri ingombranti
Domani a Bitonto l'inaugurazione del Polisportivo Rossiello Domani a Bitonto l'inaugurazione del Polisportivo Rossiello Dopo i lavori di riqualificazione tornerà ad accogliere i giovani talenti sportivi della città
Dal Senegal a Bitonto per raccontare la sua esperienza di missionaria Dal Senegal a Bitonto per raccontare la sua esperienza di missionaria Domani ospite nel monastero delle Vergini di Bitonto suor Grazia Anna Morelli
Bitonto “città ospitale” dei pellegrini della Via Francigena Bitonto “città ospitale” dei pellegrini della Via Francigena Col “Progetto Benvenuto Pellegrino” servizi dedicati e attività per promuovere arte, cultura e prodotti tipici
1 Contagi Covid a Bitonto: la Prefettura ridimensiona la Protezione Civile Contagi Covid a Bitonto: la Prefettura ridimensiona la Protezione Civile Secondo l'Ufficio Territoriale di Governo di Bari sarebbero 28 e non più di 51. Ci sono anche 50 persone in isolamento fiduciario
© 2001-2020 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.