Il Capitano Vito Ingrosso
Il Capitano Vito Ingrosso
Cronaca

Il capitano Vito Ingrosso nominato Cavaliere della Repubblica

Tra le operazioni eseguite a Bitonto l’arresto degli affiliati dei clan Conte-Cassano

Un'importante onorificenza per chi, con sacrifici e impegno, si è dedicato alla sicurezza dei cittadini sfidando le più violente frange criminali del territorio. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, su proposta del Consiglio dei Ministri, ha conferito infatti ieri al capitano Vito Ingrosso, l'onorificenza di Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Il numero uno della Compagnia dei Carabinieri di Molfetta, che ha giurisdizione anche sul territorio di Bitonto, ha ricevuto l'ambito riconoscimento dal prefetto di Bari, Marilisa Magno, dal comandante della Legione Carabinieri Puglia, il generale di brigata Alfonso Manzo, alla presenza del sindaco di Molfetta, Tommaso Minervini, per essersi distinto, durante la sua carriera militare, per l'alto senso del dovere e per il suo impegno negli incarichi ricoperti in Campania ed in Puglia.

Ingrosso, 49 anni, prima di essere trasferito a Bari, nel 2013, ha operato a Cattolica, a Riccione ed ha comandato la Tenenza di Cercola, effettuando oltre 1.000 arresti e distinguendosi per aver smantellato, assieme ai suoi uomini, uno dei più feroci e potenti cartelli criminali dell'area vesuviana, il clan Sarno di Ponticelli, oltre al clan Arlistico-Terracciano e quello dei Fusco-Ponticelli. Al suo attivo anche arresti tra gli affiliati alle cosche del rione Barra di Napoli.

Grazie al suo incessante lavoro, come hanno raccontato le cronache, ha portato ​«una ventata di legalità tale da alimentare la fiducia della cittadini nei confronti dello Stato a sporgere le prime denunce contro il racket delle estorsioni». Un lavoro così tanto apprezzato da meritare i riconoscimenti dell'Arma dei Carabinieri e della Procura della Repubblica di Napoli, delle amministrazioni comunali nei cui territori ha operato e la cittadinanza onoraria di Cercola.

Nel 2014, infine, l'approdo a Molfetta, dove ha saputo farsi valere, dimostrando che la legge è uguale per tutti, e dove ha conseguito brillanti risultati (i 17 arresti del blitz "Halloween"), alla pari di Bitonto (dove sono stati fermati vari affiliati ai clan Conte e Cipriano), di Giovinazzo (dove è stato ricostruito il delitto di Gaetano Spera), di Terlizzi (dove è stata stroncata la faida fra i Baldassarre e i Dello Russo-Ficco) e di Palo del Colle (dove è stato fermato un gruppo degli Strisciuglio).

Un quadriennio in cui, grazie anche a capacità e doti umane, tra non poche difficoltà e resistenze, ha conquistato terreno, svolgendo un prezioso lavoro, tanto da meritare gli elogi delle Procure della Repubblica di Bari e di Trani, che si aggiungono ai 7 encomi, di cui 3 solenni, ad una medaglia di Bronzo al merito di Lungo Comando per 10 anni, ad una Croce d'Argento per anzianità di servizio militare e a due medaglie per le attività svolte durante le missioni in Iraq ed in Kosovo.

Ieri sera, infine, l'onorificenza di Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Per lui si tratta indubbiamente di un alto riconoscimento per il lavoro che quotidianamente si trova a svolgere ed è un motivo di vanto anche per l'intera comunità di Bitonto.
  • carabinieri
  • Carabinieri Bitonto
  • Vito Ingrosso
Altri contenuti a tema
Carabinieri, controlli straordinari per il Ferragosto Carabinieri, controlli straordinari per il Ferragosto In corso controlli alla circolazione stradale e verifiche nell'area costiera
Furto all'associazione che si occupa di anziani e disabili Furto all'associazione che si occupa di anziani e disabili I volontari di Angeli della Vita, molto attiva a Bitonto, chiedono aiuto ai residenti: «Segnalate movimenti sospetti»
Ritrovato a Bitonto l'uomo con sospetta tubercolosi fuggito dall'ospedale Ritrovato a Bitonto l'uomo con sospetta tubercolosi fuggito dall'ospedale Aveva fatto perdere le proprie tracce mentre era ricoverato al Vittorio Emanuele II di Bisceglie
Ricoverato a Bisceglie per sospetta tubercolosi polmonare, fa perdere le sue tracce Ricoverato a Bisceglie per sospetta tubercolosi polmonare, fa perdere le sue tracce Lo hanno riferito i Carabinieri di Trani, che invitano a prestare la massima attenzione
In cantina una serra di marijuana con la corrente abusiva In cantina una serra di marijuana con la corrente abusiva La scoperta durante i controlli dei Carabinieri contro droga, spaccio e furti a Bitonto, Palombaio e Mariotto
Ladri bitontini in trasferta a Torre dell'Orso beccati dai Carabinieri Ladri bitontini in trasferta a Torre dell'Orso beccati dai Carabinieri Per i militari sono gli autori del furto di due borse dall'auto di un turista
Coltellate alla prostituta durante il sesso, preso l'aggressore. È un 41enne originario di Bitonto Coltellate alla prostituta durante il sesso, preso l'aggressore. È un 41enne originario di Bitonto Giuseppe Robles ridusse in fin di vita una ragazza colombiana a Terlizzi, ma è stato individuato dai Carabinieri. Ora è in carcere
Droga per decine di migliaia di euro nel centro storico di Bitonto: arrestate due persone Droga per decine di migliaia di euro nel centro storico di Bitonto: arrestate due persone Spacciavano a pochi metri da dove fu assassinata Anna Rosa Tarantino. Entrambi sono legati al clan Cipriano
© 2001-2019 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.