Carabinieri in azione
Carabinieri in azione
Cronaca

Furto di indumenti a Casamassima: arrestate due bitontine

Si sarebbero appropriate di merce per un valore di circa 500 euro

Elezioni Regionali 2020
Sono state arrestate con l'accusa di furto aggravato in concorso due donne residenti a Bitonto, sorprese in un noto centro commerciale di Casamassima con della merce appena sottratta dagli scaffali di alcuni negozio della galleria.

Stando a quanto riferiscono i Carabinieri, approfittando del notevole flusso di visitatori e clienti ad un noto centro commerciale di Casamassima, hanno passato in rassegna alcuni esercizi commerciali, ma per un tipo di shopping che non prevede il pagamento della merce alla cassa.

Le due presunte ladre hanno rimosso i dispositivi anti-taccheggio dai capi d'abbigliamento, anche al costo di danneggiarli, per poi riporli nelle borse in loro possesso ed infine guadagnare l'uscita. A mandare all'aria i piani delle due bitontine l'intervento di una pattuglia dei Carabinieri che le ha fermate poco prima che entrassero nella loro auto per fare perdere le proprie tracce.

Dagli approfonditi controlli effettuati dai militari, in zona per espletare un predisposto servizio di controllo, è subito emerso che i vari capi d'abbigliamento che avevano con loro erano stati trafugati presso tre diversi esercizi commerciali del vicino centro commerciale.

La refurtiva, del valore commerciale di oltre 500 euro, composta prettamente da indumenti femminili - alcuni irreparabilmente danneggiati, è stata restituita ai responsabili dei singoli esercizi commerciali.

Per le due donne sono scattate le manette e, su disposizione della competente Autorità Giudiziaria, sono fine agli arresti domiciliari, in attesa dell'udienza di convalida.
  • carabinieri
  • casamassima
Altri contenuti a tema
Cuoco di Bitonto ubriaco lancia sedie e tavolini a Lignano e picchia i Carabinieri Cuoco di Bitonto ubriaco lancia sedie e tavolini a Lignano e picchia i Carabinieri È stato arrestato e messo ai domiciliari nella sua città. Quattro militari finiti in ospedale
Assalto alla Posta di Palo: arrestato un 36enne di Bitonto Assalto alla Posta di Palo: arrestato un 36enne di Bitonto I Carabinieri lo hanno sorpreso mentre cercava di scappare dal luogo del delitto
Con il lockdown diminuisce la criminalità, reati in calo del 31% Con il lockdown diminuisce la criminalità, reati in calo del 31% I dati dei Carabinieri: in calo i furti in appartamento, in diminuzione anche quelli d'auto
Tentato omicidio a Vieste: arrestato il 27enne che ha sparato al fratellastro Tentato omicidio a Vieste: arrestato il 27enne che ha sparato al fratellastro La vittima è un 37enne originario di Bitonto: è stato soccorso e poi dimesso con una prognosi di 30 giorni
Coronavirus, criminali in quarantena. Il colonnello Cairo: «Reati in calo del 31%» Coronavirus, criminali in quarantena. Il colonnello Cairo: «Reati in calo del 31%» Il bilancio del comandante provinciale dell'Arma: «Controllate 89mila persone». Sul futuro: «Terremo alta l'attenzione sull'usura»
Rapinato e sequestrato autotrasportatore partito da Bitonto Rapinato e sequestrato autotrasportatore partito da Bitonto I Carabinieri ritrovano tir e refurtiva tra Bisceglie e Barletta
Approfittano del Coronavirus per rubare in azienda a Bitonto: arrestato 37enne Approfittano del Coronavirus per rubare in azienda a Bitonto: arrestato 37enne Con altri due complici aveva tentato il colpo in un'impresa di logistica sulla sp231
Antimafia: sequestrati a Bitonto beni per milioni di euro a pluripregiudicato Antimafia: sequestrati a Bitonto beni per milioni di euro a pluripregiudicato L'uomo, il 50enne Giovanni Cipriani, dichiarava un reddito annuo da poche migliaia di euro ma gestiva un impero economico
© 2001-2020 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.