Erbe spontanee
Erbe spontanee

Marciapiedi presi in ostaggio dalle erbacce

Succede nella zona sud-est della città. Il servizio di rimozione spetterebbe alla SANB

Passeggiare per le strade di Bitonto, in alcuni quartieri, può non essere sempre un'attività piacevole. Alcuni marciapiedi sono diventati, infatti, ostaggio di erbacce e piante spontanee. Crescono indisturbate, attirando animali e insetti, oltre a rappresentare un pessimo esempio di quello che dovrebbe essere il decoro urbano.

Molte le segnalazioni arrivate dai quartieri a Sud-est della città (quelli che, nell'esperienza dei Comitati di Quartiere erano rappresentati dai numeri 6 e 12), ricompresa, sostanzialmente, fra Via Traetta, Via Crocifisso, Via Gen. Planelli e Via Enrico Berlinguer. Vivere in questa parte della città, può significare dover convivere con le infestanti e le altre erbe spontanee.

La manutenzione straordinaria delle strade spetterebbe alla SANB – Servizi Ambientali del Nord Barese – che, per contratto, dovrebbe provvedere ad asportare le erbacce cresciute nelle strade, piazze, marciapiedi, piazzali, gallerie e altri spazzi pubblici o a uso pubblico. Ma l'azienda appaltatrice del servizio, già ampiamente impegnata nella gestione della raccolta differenziata porta a porta, al momento non sembra in grado di assolvere a questo dovere. Il nuovo assessore al ramo, Giuseppe Santoruvo, ha assicurato di aver già sollecitato Roberto Toscano, direttore della società appaltataria, circa la problematica.

La speranza dei cittadini è che, con i mezzi a sua disposizione, l'amministrazione comunale entrante possa presto mettere mano alla questione e liberare il territorio da questo fastidioso ingombro.
17 fotoErbacce sui marciapiedi
IMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WA
© 2001-2022 BitontoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
BitontoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.